Dynamic DNS accedi a ownCloud ovunque nel web


Configura ownCloud Virtual Machine VirtualBox Windows host open source Dynamic DNS No-IP DUC Google Drive Dropbox

Registra un Dynamic DNS (DNS dinamico) per accedere in modo semplice al tuo dispositivo, web server o web cam ovunque tu sia.

Registreremo un Dynamic DNS per poter accedere al web server ownCloud da qualsiasi dispositivo e ovunque siamo. Questo metodo è utile per molte finalità, ad esempio se volessimo accedere al nostro computer da remoto, un web server nel nostro caso, oppure se volessimo accedere al nostro circuito di sorveglianza, composto da web cam collegate in rete, quando siamo fuori casa.

Cos’è un Dynamic DNS?
Ogni computer connesso in rete ha un proprio IP, un’etichetta numerica, del tipo 73.167.45.76 che identifica univocamente la nostra macchina. Basterebbe infatti l’IP per poter accedere ad un pc collegato alla rete. Poiché gli IP non sono mnemonici e cambiano ogni volta che ci connettiamo ad internet ecco che possiamo ricorrere ad un provider di servizi che provvede alla registrazione, all’aggiornamento e alla traduzione dell’indirizzo IP in un nome mnemonico unico e facilmente accessibile.

Se non hai ancora configurato ownCloud oppure vuoi provare ad installarlo, segui queste due semplici guide:

I passi da fare saranno:

  • Impostare una regola di port-farwarding all’interno del modem/router;
  • Registrarci gratuitamente ad un provider di servizi Dynamic DNS;
  • Installare un software per l’aggiornamento automatico del nostro Host IP.

IMPORTANTE PRIMA DI INIZIARE! 
Aver protetto il nostro modem/router con una password diversa da quella di fabbrica, meglio se di 16 cifre composta da numeri e lettere casuali. Non proseguire oltre se non lo hai ancora fatto! 

Come rendere accessibile il web server ownCloud.

Impostare una regola di port-farwarding. 

Come primo passo da fare, dobbiamo creare una nuova regola di port-farwarding all’interno del nostro modem/router con il quale ci colleghiamo ad internet. Ogni modem/router ha la propria interfaccia grafica per configurare una regola. Per cui, accedete al vostro modem/router attraverso l’indirizzo IP e create una nuova regola di inoltro delle porte.

Nel caso di ownCloud accessibile tramite protocollo HTTPS bisognerà creare una nuova regola per la porta 443.
Ad esempio se il vostro web server ownCloud è accessibile all’indirizzo https://192.168.1.7 bisognerà creare una regola HTTPS che usi il protocollo TCP che dalla porta esterna 443 rimandi alla porta interna 443 all’indirizzo 192.168.1.7

Di seguito un esempio di configurazione su modem/router netgear.

dynamic dns no ip owncloud virtual appliances virtualbox router configurazione

Dynamic DNS service provider.

Numerosi sono i provider di DNS dinamico che offrono servizi gratuiti, potete trovarne a decine in rete. Per questa guida ho scelto come provider NO-IP che gratuitamente offre la possibilità di registrare fino a 3 hostname, con la limitazione che scadono dopo 30 giorni, ed un software gratuito disponibile per windows e linux per poter aggiornare l’IP dell’host.

Ecco una lista di provider:

Dopo esservi registrati su No-ip aggiungete un nuovo hostname cliccando su Add Hostname.
dynamic dns no ip owncloud virtual appliances virtualbox registration

Quindi aggiungete come hostname un nome mnemonico qualsiasi, scegliete il tipo di dominio che preferite tra quelli gratuiti suggeriti e cliccate su Add Hostname.

Installare Dynamic Update Client (DUC) per Linux.

DUC è disponibile per Windows, Linux e MAC e ci permetterà una volta installato di aggiornare in maniera automatica l’IP dell’host. Per questa guida io ho scelto di installare DUC per linux direttamente sul web server in cui è installato ownCloud, quindi sulla macchina virtuale. Ho scelto inoltre di configurarlo in modo che si avvii in automatico ogni volta che avvio la macchina virtuale, non ne avrei bisogno altrimenti. Ma potete tranquillamente installare la versione per un diverso sistema operativo, ignorando il resto della guida.

Quindi eseguiamo i seguenti comandi dalla shell linux:

cd /usr/local/src/
sudo wget http://www.no-ip.com/client/linux/noip-duc-linux.tar.gz
sudo tar xf noip-duc-linux.tar.gz
cd noip-*/
sudo make install

dynamic dns no ip owncloud-virtual appliances virtualbox installare duc

Vi verranno richiesti i dati di accesso per No-IP, quindi inserite la username e password. Scegliete un valore di aggiornamento in minuti, ad esempio 30. Vi sarà inoltre richiesto se avviare uno script personale dopo l’avvenuto update, scegliete pure di no.
Ora DUC è installato ed avviato.

Ecco alcuni comandi che potrebbero farci comodo.

Per configurare il client:

sudo /usr/local/bin/noip2 -C 

Per avviare il client:

sudo /usr/local/bin/noip2 

Per visualizzare le info sul client in esecuzione:

sudo /usr/local/bin/noip2 -S

Ora rendiamo DUC client eseguibile all’avvio. Eseguiamo il comando:

sudo chmod 777 /usr/local/etc/no-ip2.conf

Ora per poter avviare DUC all’avvio della macchina virtule in automatico, creiamo il file /etc/init.d/noip con Webmin (consigliato per evitare errori di sintassi) oppure editiamo con il comando

sudo vi /etc/init.d/noip

dynamic dns no ip owncloud virtual appliances virtualbox installare duc webmin

Inseriamo all’interno del file il seguente codice:

###########################################

#! /bin/sh

case "$1" in

  start)

    echo "Starting noip2"

    /usr/local/bin/noip2

  ;;

  stop)

    echo -n "Shutting down noip2"

    for i in noip2 -S 2>&1 | grep Process | awk '{print $2}' | tr -d ','

    do

      noip2 -K $i

    done

  ;;

  *)

    echo "Usage: $0 {start|stop}"

    exit 1

esac

exit 0

#####################################

Salvate il file e chiudete pure. Eseguite in seguito i seguenti comandi:

sudo chmod 700 /usr/local/bin/noip2

sudo chown root:root /usr/local/bin/noip2

sudo chmod 700 /etc/init.d/noip

sudo chown root:root /etc/init.d/noip

sudo chmod 700 /usr/local/etc/no-ip2.conf

sudo chown root:root /usr/local/etc/no-ip2.conf

A questo punto dovremmo essere capaci di arrestare e avviare DUC, quindi testate i seguenti comandi:

sudo /etc/init.d/noip stop

sudo /etc/init.d/noip start

In output dovremmo ricevere Shutting down noip2 e Starting noip2
Ora il nostro script funziona correttamente, per avviarlo in automatico editiamo il file /etc/rc.local con Webmin oppure eseguiamo:

sudo vi /etc/rc.local

Inseriamo le seguenti linee di codice:

/etc/init.d/noip start
exit 0

Da notare che se avete già un file rc.local editato evitate di inserire exit 0

Ora salvate il file e riavviate il sistema con il comando:

sudo reboot

All’avvio del sistema verificate se DUC è stato avviato correttamente eseguendo il comando:

sudo /usr/local/bin/noip2 -S

Bene questo è tutto, ora ownCloud è accessibile liberamente da internet.

 

Buon divertimento 😀

 

No votes yet.
Please wait...
Condividi: